Thursday, April 19, 2012

Sensi vietati

Ti direi, se servisse, che hai ragione,
l'autunno è troppo lungo,
il traffico intasato,
a conti fatti ti ricordo un fungo,
le cose belle tutte nel passato
e quanta polvere sulle poltrone.

Scorderei, se servisse, i tuoi segreti,
i pochi, beninteso,
che non hai fatto in tempo,
tra un crampo e mollemente un braccio teso,
a mordere tra i denti nottetempo
e sulle mura danzano inquieti.

Ti darei, se servisse, la mia spalla,
parole di conforto,
o complici silenzi,
quando il coltello gira più contorto
e troppo sanno d'acido gli assenzi,
perduta tra i miasmi della stalla.

Porgerei, se servisse, le mie scuse,
pur non essendo il tarlo,
il cardine del mondo,
solo perché qualcuno deve farlo,
né importa aver girato tanto in tondo
se trovi nello specchio mille accuse.

6 comments:

  1. Bellissima.

    Hai cambiato stile.

    E poi ti ho ritrovato.

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ti perdono l'ottimismo :)

      Delete
  2. Non è ottimismo, ma grazie comunque : )

    ReplyDelete
    Replies
    1. Allora diciamo: l'abitudine : )

      [Cancello molto più di prima, ma lunga è la strada del silenzio...]

      Delete
  3. Non è ottimismo, ma grazie comunque : )

    ReplyDelete
  4. Cancello molto più di prima: l'ho visto!
    Lunga la strada è sempre, ma si percorre.

    ReplyDelete